Salta ai contenuti

Home ›› SERVIZI ASSOCIATI ›› POLIZIA MUNICIP... ›› CHI SIAMO - DOV... ›› SERVIZI PER I C... ›› Violazioni al Codice della Strada  

Violazioni al Codice della Strada

 

Modalità di pagamento:

Nel caso in cui sia stata ricevuta una contravvenzione a norme del Codice della Strada, si potrà provvedere al pagamento entro i termini indicati sul verbale (giorni 60) con le seguente modalità: 

- Conto Corrente Postale n° 1004217491 intestato a: M.T. SPA C.I. POLIZIA MUNICIPALE TERRED’ACQUA- CDS VOLONTARIA indicando sempre nella causale del versamento il numero del verbale, la data del verbale e la targa del veicolo. 

- Carta di Credito cliccando qui:  pagamento on line 

 

Riduzione del 30 % pagando entro 5 giorni dalla notifica (Legge 98/2013):

Dal 21 agosto 2013, data di entrata in vigore della Legge n.98/2013 di conversione del Decreto Legge n. 69/2013 "decreto del fare" è prevista la possibilità di beneficiare di una riduzione del 30% sull’importo della sanzione se pagato entro 5 giorni dalla data di contestazione o notificazione del verbale.
In caso di dubbio sulla data di ricezione e notifica del verbale è possibile ottenere tale informazione consultando il portale di poste italiane (sezione cerca spedizioni) cliccando qui:  http://www.poste.it/online/dovequando/home.do 

scansione0001

Il codice dell'invio da inserire nell'apposito campo è il numero di Raccomandata A.G. di 11 cifre, che si trova all'esterno della busta ed è facilmente individuabile sotto il codice a barre, come da immagine a lato:  (codice 78056892045). Pur essendo un servizio di tracciabilità reso a scopo indicativo da Poste Italiane, esso è l'unico modo che consente di avere in tempo reale tale informazione. Attenzione!!! Questa informazione è disponibile tramite poste italiane per 60 giorni.

La riduzione si applica anche per gli "avvisi di accertamento" lasciati sul parabrezza del veicolo per le violazioni alle norme che regolano la sosta dei veicoli, a condizione che il pagamento sia effettuato entro 5 giorni dalla data di accertamento. 
 

 

Informazioni ufficio verbali: 

numero-verde

Eventuali informazioni potranno essere richieste telefonicamente all'Ufficio Verbali il martedì ed il sabato dalle 9 alle 12 ed il giovedì dalle 15 alle 18,  chiamando il numero verde 800-330331 oppure di persona alla sportello del Comando negli orari di apertura. Consultando il portale MULTE ON LINE, presente in questo sito è possibile visionare i fotogrammi delle violazioni accertate con strumentazioni elettroniche. Indirizzo internet: http://multeonline.terredacqua.net

 

Modalità e tempi per presentare ricorso:

Nel caso in cui si intenda presentare ricorso ai verbali contestati o notificati per violazioni al Codice della Strada (esclusi gli avvisi di accertamento d'infrazione rinvenuti sul parabrezza), è possibile presentare il ricorso entro 60 giorni, senza effettuare il pagamento in misura ridotta al Prefetto di Bologna consegnandolo presso il Corpo di Polizia Municipale, oppure inviandolo per posta tramite raccomandata con avviso di ricevimento. In alternativa può essere inviato direttamente al Prefetto per posta con raccomandata con avviso di ricevimento;

In alternativa è possibile presentare ricorso entro 30 giorni al Giudice di Pace di Bologna consegnandolo personalmente in cancelleria, oppure inviandolo per posta con raccomandata con avviso di ricevimento. 

 

Richiesta di rateizzazione di Verbale c.d.s. (art.202 bis c.d.s.)

In caso di condizioni economiche disagiate (limite di reddito di €uro 10.628,16 elevato di €uro 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi) qualora l'importo della sanzione superi €uro 200,00 i soggetti tenuti al pagamento possono chiedere la ripartizione in rate mensili di importo che non può essere inferiore a €uro 100,00. La richiesta, adeguatamente motivata e documentata, dovrà essere presentata entro gg.30 dalla data di contestazione e/o notificazione dell'accertamento.

L’istanza di rateizzazione della somma dovuta deve pervenire esclusivamente a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, posta elettronica o presentata direttamente agli sportelli del Comando del Corpo Unico.

La presentazione dell’istanza sospende i termini di pagamento somma. Il debito residuo può essere estinto in ogni momento mediante un unico pagamento. In tutti i casi, qualora non venga pagata la prima rata oppure non vengano pagate successivamente due rate consecutive, il richiedente decade dal beneficio della rateizzazione ed è tenuto al pagamento del residuo ammontare della sanzione in un’unica soluzione ed il carico non può più essere oggetto di rateizzazione.

 

Richiesta di rateizzazione di Ingiunzione di Pagamento (Delibera dell'Unione n.16 del 10 luglio 2013)

In caso di condizioni economiche disagiate (limite di reddito imponibile ai fini IRPEF del richiedente non  superiore ad €uro 20.000,00) qualora l'importo dell'Ingiunzione superi €uro 200,00 il soggetto tenuto al pagamento può chiedere la ripartizione in rate mensili di importo che non può essere inferiore a €uro 100,00. La richiesta, adeguatamente motivata e documentata, dovrà essere presentata entro gg.30 dalla data di notificazione dell'ingiunzione.

L’istanza di rateizzazione della somma dovuta deve pervenire esclusivamente a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, posta elettronica o presentata direttamente agli sportelli del Comando del Corpo Unico.

La presentazione dell’istanza sospende i termini di pagamento della somma ingiunta e/o ogni altra fase del procedimento esecutivo. L’importo minimo rateizzabile può essere determinato anche dalla somma di più ingiunzioni di pagamento. Il debito residuo può essere estinto in ogni momento mediante un unico pagamento. In tutti i casi, qualora non venga pagata la prima rata oppure non vengano pagate successivamente due rate consecutive, il richiedente decade dal beneficio della rateizzazione ed è tenuto al pagamento del residuo ammontare della sanzione in un’unica soluzione ed il carico non può più essere oggetto di rateizzazione.

 

Modulistica:

RICORSO PREFETTO (15kB - PDF)